Home Italian • La dignità ferita by Eugenio Borgna

La dignità ferita by Eugenio Borgna

By Eugenio Borgna

“Dove si educa a curare il dolore con l’ascolto, le lacrime e il sorriso” los angeles Stampa

L’ombra e los angeles grazia si possono considerare categorie esistenziali, metafore, in keeping with esprimere l. a. dignità ferita e quella salvata. L’ombra è l’altra faccia della luce, come los angeles pesantezza lo è della grazia. Vi è qualcosa di misterioso nella relazione tra lacrime e sorrisi, tra tristezza dell’anima e apertura alla speranza, a cui Eugenio Borgna presta attento ascolto e dà voce, riflettendo sulla dignità della personality, sul suo valore, nelle sue varie declinazioni, umbratili e luminose. los angeles dignità è un valore etico fondamentale ed è l. a. fonte dei diritti umani, tuttavia è stata crudelmente lacerata nel corso della storia, non ultima da quella psichiatria che ha distinto le vite degne di essere vissute da quelle che non lo sarebbero. Il problema del rispetto dell’altro si ripropone nell’ambito della cura, al centro della quale sta l. a. fragilità del malato. Il discorso sulla dignità non concerne solo l’aspetto doloroso dell’ombra, riguarda anche l’attesa del futuro e dell’ignoto. Le attese altrui vanno riconosciute e rispettate, according to non fare al prossimo quanto non vorremmo fosse fatto a noi. Siano esse le attese di chi sta male o di chi in line with qualche ragione sia vulnerabile, occorre rispettarne l. a. fragilità e los angeles sensibilità, le quali non potranno proteggere los angeles dignità dai colpi inferti dalla vita, ma consentono una più acuta e umana comprensione del lato oscuro dell’essere, dando insieme risposta al bisogno di accoglienza delle persone.

Show description

Read or Download La dignità ferita PDF

Best italian books

Extra resources for La dignità ferita

Sample text

Seguendo il cammino interiore del grande teologo protestante tedesco, giungeremmo a capire meglio le conseguenze dei nostri pregiudizi, che dilatano la sofferenza e il dolore, la solitudine e la disperazione, delle persone, di quelle che stanno male in particolare, e saremmo capaci di riconoscere, e di rispettare, il volto arcano e segreto della loro dignità umiliata. Queste riflessioni sulla dignità umana, sulle disumane lacerazioni alle quali essa è andata incontro nella storia, e ancora oggi nella realtà, della psichiatria, non dovrebbero mai allontanarsi dalla nostra coscienza, e non solo da quella di chi si occupa di psichiatria ma di chiunque abbia a cuore le ragioni della umanità; e in essa la fiaccola sempre accesa della dignità non può non risplendere senza fine.

La coscienza della morte ci costituisce così nella nostra radicale umanità, nella nostra dignità personale, ma come contrassegnare quella che è la essenza della persona? Le persone, questo è il pensiero del filosofo tedesco, sono esseri con cui altre persone possono parlare, e non è possibile ridurle allo status di cose sulle quali si possa parlare. Incontrando una persona non posso fare a meno di avvertire il suo sguardo al quale posso sottrarmi con gelida freddezza; e anche questo mio atteggiamento è una qualità personale: nasce dalla libertà di volere che appartiene solo alle creature viventi che sono persone.

Il terzo capitolo ha come sua regione tematica la condizione di vita depressiva: riguardata come una esperienza radicalmente umana, nella quale ne va del senso del vivere e del morire. Non si finisce mai di ascoltare e di interpretare i modi di essere fenomenologici della condizione depressiva nella quale si ha a che fare, come dice Romano Guardini, con l’oscuro fondamento dell’essere: anche se oscuro non significa tenebra ma ombra che appartiene alla luce, e che con la luce forma il mistero della vita; e dalla oscurità rinascono le figure luminose del presente.

Download PDF sample

Rated 4.74 of 5 – based on 29 votes

Author:admin